A Bologna la cultura e il sapere hanno una tradizione millenaria. Nella città che ha fondato la prima università europea è spontaneo condividere ciò che eleva lo spirito e migliora la conoscenza. Troverai musei che aprono le loro collezioni al pubblico senza fare pagare il biglietto, luoghi d’arte fruibili con una semplice passeggiata, chiese che conservano capolavori e raccontano secoli di storia. Il capoluogo emiliano, che si presenta ai visitatori mostrando le vestigia del passato, è anche un luogo proiettato verso il futuro. Camminerai sull’acciottolato di antiche piazze medievali, ma vedrai anche spazi moderni con i monumenti del presente. Alle tracce inconfondibili del Gotico e i Rinascimento si intersecano le tendenze avveniristiche e proposte della pop art. Pensa che tanta bellezza non costa nulla! Ecco 10 attrazioni gratuite per visitare Bologna.

    1

    Il Cimitero Monumentale della Certosa

    Un museo a cielo aperto alle porte della città

    • Budget
    • Viaggi alternativi
    • Storia
    • Foto

    L’incanto romantico e la quiete malinconica di questo camposanto hanno toccato il cuore di grandi scrittori, come Charles Dickens e Lord Byron. È il Cimitero Monumentale della Certosa, alla periferia occidentale della città, raggiungibile dal centro con mezz’ora di autobus. Fondato all’inizio del XIX secolo, è un vero e proprio trionfo dell’arte scultorea e dell’architettura, dove la grazia dolente degli angeli palpita di vita nelle volute del marmo e maestosi mausolei richiamano ai posteri le glorie dimenticate di antiche famiglie. Qui sono sepolti grandi personaggi, come il poeta Giosuè Carducci e il cantante Lucio Dalla. Girando per i vialetti potrai ammirare le opere di artisti attivi a Bologna nel XIX e XX secolo. Se vuoi immergerti in tesori di epoca più remota, entra nella Chiesa di San Girolamo, che ha mantenuto intatte le forme originali del tempo dei monaci. L’interno conserva un ciclo di pitture dedicate alla vita di Cristo.

    Posizione: Via della Certosa, 18, 40134 Bologna, Italia

    Orario di apertura: dalle 07:00 alle 18:00 (da novembre a febbraio dalle 08:00 alle 17:00)

    Telefono: +39 051 615 0811

    Mappa
    2

    Il Parco di Villa Spada

    Tra statue e disegni geometrici fatti di siepi

    • Budget
    • Storia
    • Foto

    Ti piacciono i giardini all’italiana? A Bologna ne troverai un bellissimo esempio nel Parco di Villa Spada. Gli elementi naturali sono inseriti in una cornice di statue e architetture, mentre le forme geometriche disegnate dalle siepi delimitano gli spazi in un insieme armonico e simmetrico. Tutto è studiato per riposare l’occhio e la mente. Edificata nel XVIII secolo, la Villa ha ospitato anche il Museo del Tessuto e della Tappezzeria “Vittorio Zironi”, mentre i giardini sono diventati un parco pubblico. Dalla Collina di Casaglia potrai ammirare uno splendido panorama sulla città e distenderti sul grande prato al tepore del sole. È un parco meno conosciuto rispetto ad altre zone verdi della città, ma non per questo meno affascinante. La vegetazione è fitta e variegata, dalle specie mediterranee come cipressi e allori alle piante esotiche come il cedro dell’Himalaya.

    Posizione: Via di Casaglia, 3, 40135 Bologna, Italia

    Orario di apertura: dalle 08:30 alle 19:00 (sabato e domenica dalle 08:30 alle 13:30)

    Telefono: +39 051 615 0811

    Mappa
    3

    Il Giardino della Montagnola

    Scalinate scenografiche e piante secolari nel Pincio di Bologna

    • Coppie
    • Budget
    • Storia
    • Foto

    Se arrivi a Bologna in treno, il Parco della Montagnola è la prima attrazione che incontri nel tuo itinerario. Ha un’origina antica, come dimostrano i platani secolari che fanno ombra al suo interno, ma le forme attuali sono state modellate nel XIX secolo. I primi interventi risalgono all’epoca napoleonica, quando l’imperatore stesso, durante un soggiorno in città, volle dare al paesaggio urbano un’impronta tipicamente francese. L’ingresso scenografico sul versante settentrionale, con la grande scalinata chiamata il Pincio di Bologna, è stato realizzato per accogliere i viaggiatori che escono dalla Stazione Ferroviaria. Nel 1848, è stato teatro dei moti risorgimentali contro gli austriaci. Tra piante e vegetazione puoi vedere il monumento ai caduti di quella battaglia e una fontana con sculture di animali in lotta realizzata in occasione dell’Esposizione Emiliana del 1888. Oggi è un luogo d’incontro per tutti i bolognesi.

    Posizione: Via Irnerio, 2/3, 40126 Bologna, Italia

    Orario di apertura: dalle 07:00 a mezzanotte

    Mappa
    4

    La Collezione delle Cere Anatomiche “Luigi Cattaneo”

    Come un tempo si studiava il corpo umano

    • Budget
    • Viaggi alternativi
    • Storia

    Bologna è una città storicamente legata al mondo universitario e agli studi, tanto che tra il XVIII e XIX secolo fu un centro di eccellenza delle scienze mediche. Se vuoi approfondire questo aspetto del passato, la Collezione di Cere Anatomiche è il posto che fa per te. Il museo mostra le preparazioni in cera e le ossa naturali che venivano utilizzate per la ricerca e la didattica, e ricostruisce l’evoluzione delle tecniche di conservazione, con organi mummificati, essiccati o sotto liquido. Nelle bacheche sono esposti volumi antichi che trattano di tutto lo scibile medico. Grazie a rappresentazioni dell'anatomia umana nella forma naturale e patologica, il museo ripercorre i primi passi della medicina nello studio delle malattie che affliggono l'uomo. La collezione è ospitata all’interno dell’Istituto di Anatomia Umana Normale dell’Università di Bologna, a nord del centro storico.

    Posizione: Via Irnerio, 48, 40126 Bologna, Italia

    Orario di apertura: da martedì a venerdì dalle 10:00 alle 16:00 (da settembre a maggio apertura anticipata alle 09:00), sabato e domenica dalle 10:00 alle 18:00

    Telefono: +39 051 209 1556

    Mappa

    Foto di Patafisik (CC BY-SA 4.0) modificata

    5

    I minerali del "Museo Luigi Bombicci"

    Alla scoperta di meteoriti, rocce e pietre ornamentali

    • Budget

    Il mondo dei minerali ti affascina? A Bologna c’è la Collezione di Mineralogia “Museo Luigi Bombicci”, che espone una collezione di circa 48.000 esemplari. Potrai anche vedere più di cento meteoriti caduti in ogni parte del mondo. Molto suggestive sono le vetrine oscurabili, che fanno risaltare la Pietra Fosforica bolognese, e alcune teche che conservano gli strumenti utilizzati dagli studiosi nel XIX secolo, come microscopi, spettroscopi e goniometri. Le sale ospitano anche una delle più grandi raccolte italiane di pietre ornamentali, impiegate nel mondo antico e nel Rinascimento per l’edilizia o per la creazione di opere d’arte. Se ti piacciono le curiosità, ci sono ambre con insetti imprigionati al loro interno e una pepita d’oro di 230 grammi proveniente dall’Etiopia. Vuoi sapere come raggiungere il Museo? Prendi come riferimento la Porta di San Donato: è proprio di fronte, sul lato opposto della piazza.

    Posizione: Piazza di Porta S. Donato, 1, 40126 Bologna, Italia

    Orario di apertura: da martedì a venerdì dalle 10:00 alle 16:00 (da settembre a maggio apertura anticipata alle 09:00), sabato e domenica dalle 10:00 alle 18:00

    Telefono: +39 051 209 4926

    Mappa
    6

    La Cattedrale di San Pietro

    Un antico luogo di culto con la “nonna” sul campanile

    • Budget
    • Storia
    • Foto

    A pochi passi da Piazza Maggiore, lungo la via che conduce verso la Stazione, puoi visitare la Cattedrale di San Pietro. Rimarrai colpito dalla maestosità della sua facciata barocca, l’elemento più recente di un edificio antichissimo, ricostruito di volta in volta. L’interno è a una navata con cappelle laterali, che custodiscono opere d’arte di importanti pittori, come Carraci e Fontana, un meraviglioso crocifisso in legno del XII secolo e un gruppo scultoreo in terracotta raffigurante il "Compianto sul Cristo Morto", del celebre artista Lombardi. In cambio di un modico biglietto puoi salire fino in cima sul campanile, la seconda torre più alta dopo gli Asinelli, e ammirare un bellissimo panorama sulla città. Al suo interno c’è un’enorme campana che pesa 33 quintali, chiamata affettuosamente la “nonna” dai bolognesi.

    Posizione: Via dell'Indipendenza, 7, 40125 Bologna, Italia

    Orario di apertura: dalle 07:00 alle 19:00

    Telefono: +39 051 222 112

    Mappa
    7

    Il Mercato di Mezzo

    Dove trovare le specialità della gastronomia bolognese

    • Budget
    • Acquisti
    • Cibo

    Vuoi visitare un mercato attivo già dal Medioevo? Raggiungi il Mercato di Mezzo, all’interno del Quartiere Quadrilatero e a pochi passi da Piazza Maggiore. Dopo l’Unità d’Italia venne trasformato in una struttura coperta e oggi è un luogo in cui acquistare prodotti tipici e assaggiare le specialità della gastronomia locale. Al piano superiore puoi sederti ai tavoli di una pizzeria, mentre il piano seminterrato è dedicato agli amanti della birra artigianale. Al piano terra si trovano chioschetti alimentari e tavoli per la consumazione. Sarai al centro di un tripudio di formaggi, salumi, pasta fatta a mano, pane, vino, carne, pesce, dolci e gelati. Potrai assaggiare pesciolini fritti al momento o un panino imbottito con le fette di un’enorme mortadella. Vuoi spiluccare qualcosa mentre prosegui la passeggiata? Qui preparano un cartoccio con una cotoletta appena cucinata e tagliata a fettine.

    Posizione: Via Clavature, 12, 40124 Bologna, Italia

    Orario di apertura: dalle 09:00 a mezzanotte

    Telefono: +39 051 228 782

    Mappa
    8

    Il Mercato Piazzola

    Moda e vintage nell’antica fiera degli animali

    • Budget
    • Acquisti

    Ti piacciono i mercati dall’atmosfera popolare? Fai un giro al Mercato Piazzola, che si svolge ogni venerdì e sabato, dal mattino alla sera, in Piazza dell’8 Agosto. In questo grande spazio lungo il margine meridionale del Parco della Montagnola potrai girare tra 400 bancarelle allestite sia dagli ambulanti che dai negozi che propongono le loro merci anche in questa cornice. È un appuntamento storico per i bolognesi, che si svolge in un luogo in cui già in epoca medievale veniva organizzata una fiera del bestiame. Oggi si respira un’atmosfera multietnica ma i colori, l’allegria e l’animato andirivieni hanno tutto il sapore di Bologna. Troverai tanto abbigliamento, un’intera sezione dedicata alle scarpe, e poi accessori, articoli casalinghi, piante e fiori. Se ti piace il vintage, devi visitare gli stand nell’area della Montagnola, dove oltre all’oggettistica e all’artigianato etnico potrai acquistare divise militari e abiti da sera.

    Posizione: Piazza dell'Otto Agosto, 40126 Bologna, Italia

    Orario di apertura: ogni venerdì e sabato

    Mappa
    9

    Arte contemporanea alla galleria ONO Arte Contemporanea

    Scopri le nuove tendenze sorseggiando un cocktail

    • Budget
    • Acquisti

    Il concetto che ispira le mostre e l’allestimento della galleria ONO Arte Contemporanea è affascinante, soprattutto se sei interessato alle forme di espressione del mondo moderno. Si tratta di un concept store in cui non vedrai esposti solo quadri e opere grafiche, perché i tre piani su cui si articola lo spazio sono dedicati a tutte le forme della cultura pop, con sezioni incentrate sulla musica, sul cinema e sulla moda. È un luogo in cui vedere opere e assistere ad eventi, ma è anche un centro di aggregazione, con un lounge bar per aperitivi dove socializzare discutendo di nuove tendenze. Tra un drink e uno stuzzichino puoi curiosare tra le proposte della libreria, dove trovi testi e cataloghi sulle esposizioni in corso e concluse, volumi fotografici e saggistica. Raggiungere la galleria ONO Arte Contemporanea è facile: è a pochi passi da Piazza Maggiore.

    Posizione: Via Santa Margherita, 10, 40123 Bologna, Italia

    Orario di apertura: da martedì a venerdì dalle 15:00 alle 20:00, sabato dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 20:00

    Telefono: +39 051 262 465

    Mappa

    Foto di Yutaka Seki (CC BY 2.0) modificata

    10

    Il Memoriale della Shoah

    Un monumento toccante per non dimenticare

    • Budget
    • Storia
    • Foto

    Contro il cielo bolognese si stagliano due enormi blocchi d’acciaio, uno di fronte all’altro. Attorno, un piazzale vuoto. Quello che sorge nei pressi della Stazione Ferroviaria, oltre il ponte che attraversa i binari, è il Memoriale della Shoah. La facciata liscia del monumento, suddivisa in sezioni rettangolari, riflette la luce e l’ambiente circostante e come un magnete invita ad avvicinarsi. Quando raggiungi il corridoio tra le pareti, lo spazio e l’atmosfera si trasformano. Tutto diventa angusto, opprimente, e la superficie lucida e uniforme dell’esterno si frammenta all’interno in una serie ossessiva di celle, che rappresentano il vuoto lasciato dai deportati. Il contrasto tra la pavimentazione bianca e i blocchi scuri, insieme al repentino cambiamento di prospettiva tra esterno e interno, creano un ambiente emozionante che invita alla riflessione. L’opera, progettata da un gruppo di architetti italiani, ha vinto il concorso bandito dalla Comunità Ebraica di Bologna.

    Posizione: Via Giacomo Matteotti, 40129 Bologna, Italia

    Mappa

    Inizia a programmare il tuo viaggio

    COVID-19: avviso ai viaggiatori

    Le attrazioni e le esperienze consigliate nelle nostre guide potrebbero essere interessate da alcune restrizioni. Controlla gli avvisi di viaggio locali prima di metterti in viaggio.

    Torna all’inizio

    Maps