Anche se le migliori esperienze sulle tavole di Mykonos devono molto alla generosità del Mar Mediterraneo, ti sorprenderà sapere che le ricette tipiche greche più apprezzate dalla popolazione locale in realtà sono per lo più a base di carne.

    Formaggio, olio d'oliva, verdure fresche e dolci dai sapori unici la fanno da padroni nelle cucine greche, preparati come vuole la lunga tradizione ellenica. Se hai in programma una vacanza a Mykonos e vuoi mangiare come un vero isolano, prendi nota delle specialità che ti incuriosiscono di più.

    1

    Kopanisti

    Il vero kopanisti è talmente prelibato da poter competere con i formaggi europei più blasonati, al punto che è stato ribattezzato "il Roquefort greco". Denso, cremoso e spalmabile, si riconosce dal gusto intenso e pepato e dal colore giallo-rosato. In genere si produce con latte di pecora, o di pecora misto a capra, e bisogna aver pazienza 4 mesi per poterlo gustare.

    Servito per lo più come formaggio da tavola, può diventare un ottimo aperitivo sopra il pane secco della mostra. Se decidi di portarlo a casa come souvenir, conservalo in frigorifero e ricorda che può resistere fino a un anno dalla data di produzione.

    • Cibo
    2

    Kremidopita

    La kremidopita (una torta di cipolle) è una delle pietanze tradizionali di Pasqua. L'acidità delle cipolle è mitigata dall'aggiunta di un formaggio cremoso, il tirovolia, aneto e una profusione di spezie ed erbe selvatiche.

    A Mykonos si usa prepararla solo con due strati di pasta fillo piuttosto spessi, per creare un piacevole contrasto tra la croccantezza esterna e il ripieno che si scioglie in bocca.

    • Cibo
    3

    Lazarakia (letteralmente piccoli Lazzari)

    Simbolo della tradizione ortodossa, i lazarakia si chiamano così perché si preparano il Sabato di Lazzaro, cioè il giorno che inaugura la Settimana Santa e commemora la resurrezione di Lazzaro.

    Ogni anno, in questo periodo, le strade di Mykonos sono invase dalla fragranza dei panini dolci appena sfornati, impastati a mano con zucchero e uvette e modellati uno ad uno con una forma che richiama l'iconografia di Lazzaro: braccia conserte, un sudario in testa e... chiodi di garofano al posto degli occhi. L'usanza vuole che le donne di casa preparino tanti lazarakia quanti sono i bambini in famiglia.

    • Cibo

    Foto di Diádoco (CC BY-SA 3.0) modificata

    4

    Amygdalota

    Gli amygdalota sono dolcetti tradizionali al profumo di rosa e gusto di mandorla, che a Mykonos si presentano in un formato oblungo simile a quello dei kourabiedes (biscotti al burro). Diversamente dalle varianti delle altre isole Cicladi, qui vengono passati in forno, quindi rimangono duri all'esterno e morbidi all'interno. Protagonisti fissi di festival e feste nazionali, sono ritenuti piuttosto salutari per la presenza dell'olio di mandorla... basta non farsi prendere la mano, perché uno tira l'altro!

    • Cibo
    5

    Mostra

    Nel dialetto di Mykonos, la mostra era in origine un'unità di misura per il pane secco. Oggi è uno degli accompagnamenti per eccellenza dell'ouzo, semplice e veloce da preparare: basta prendere una frisella d'orzo, spalmare un cucchiaio di kopanisti, coprire con una dadolata di pomodori maturi e guarnire con olio d'oliva, origano e gli immancabili capperi. Il segreto della ricetta è bilanciare la nota speziata del kopanisti con la dolcezza del pomodoro, che se la stagione lo consente si può sostituire addirittura con l'uva.

    • Cibo
    6

    Salsicce con fagioli occhio nero

    I fagioli occhio nero di Mykonos, o kafematika, si sposano bene alla salsiccia locale, fatta solo con carne e grasso di maiale ed essiccata al sole. Nel resto della Grecia si preferisce affumicarla, ma qui la ricetta si è dovuta adattare alla scarsità di legname.

    La salsiccia tradizionale di Mykonos contiene anche erbe aromatiche, pepe, spezie, sale e origano tritato finemente, come ti confermeranno i tre macellai più famosi dell'isola: Madoupas, Menagias e Markaras.

    • Cibo
    7

    Rafiolia

    I rafiolia sono dolci fritti cosparsi di miele, arancia e cannella. L'impasto a volte è ripieno di tirovolia, un formaggio miconiano a base di latte di pecora, capra o entrambi che conferisce una leggera acidità. Questo dolce è tipico della regione e se soggiorni in hotel con tutta probabilità lo troverai anche nel buffet della colazione. Ne esistono anche varianti più saporite guarnite con erbe o cipolla, l'importante è seguire la regola di base: consumarli freschi.

    • Cibo
    8

    Melopita

    La melopita è, tradotto letteralmente, una torta al miele ripiena del tradizionale tirovolia locale. La ricetta originale prevede una farcia a base di formaggio, cannella e miele avvolta in due strati di croccante pasta sfoglia.

    Impossibile resistere! Di solito si serve in una teglia alta, ma potrai trovarla anche in comodi rotoli monoporzione... o come gusto per un cono gelato alternativo.

    • Cibo
    9

    Louza

    Il louza, altrimenti detto "prosciutto di Mykonos", nasce dall'antica tradizione delle famiglie isolane di macellare il maiale in autunno, dopo averlo fatto ingrassare per tutto l'anno.

    I filetti dell'animale vengono messi a riposare nel sale per 24 ore, sciacquati, essiccati, e aromatizzati con erbe e pepe. Poi la carne viene utilizzata per riempire l'intestino, che viene appeso a stagionare. Trascorsi 20-25 giorni, ecco pronto un insaccato particolarmente saporito da tagliare a fette sottilissime.

    • Cibo
    10

    Tiganites gries

    I tiganites gries (come dei pancake fritti) sono il piatto povero per eccellenza: una volta si preparavano con i resti dell'impasto per le torte, fatto solo di farina, sale e acqua.

    Per insaporirli basta un velo di zucchero, cannella o miele. Con questa ricetta i greci sostengono di aver inventato i pancake, niente meno che 2.600 anni fa.

    • Cibo

    Inizia a programmare il tuo viaggio

    Maps